NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

SCRIVERE AIUTA A COMBATTERE LO STRESS

scrittura-espressiva-gestione-stressUna ricerca, condotta da un pool di esperti americani della Michigan State University di East Lansing e della Emory University di Atlanta e pubblicata su una rinomata rivista del settore, Psychophysiology, rivela che la scrittura espressiva aiuta l'essere umano a combattere gli stati di ansia, ristabilendo la serenità emotiva e aiutandolo ad eseguire nella maniera più proficua possibile le attività che risultano più difficoltose e stressanti.

Hans S. Schroder, autore dello studio, spiega che lo stress e le preoccupazioni tengono molto impegnate le nostre risorse cognitive; questo perché se cerchiamo di tenere sotto controllo l'ansia o l'agitazione, chiediamo al nostro cervello di svolgere in maniera continuativa più compiti in un medesimo istante: eseguire l'attività in questione e, al contempo, controllare e tentare di nascondere e ridurre il nostro stato d'ansia.

Sono stati coinvolti nella ricerca studenti universitari che soffrono di ansia cronica e gli è stato chiesto di eseguire un test informatico particolarmente complesso e difficoltoso al quale dovevano rispondere in un arco di tempo limitato. Metà dei volontari hanno dovuto scrivere su un foglio e per otto minuti, prima che l'esperimento cominciasse, i loro pensieri e le sensazioni concernenti il test che stavano andando ad affrontare. Alla restante metà delle persone è stato domandato di scrivere un resoconto delle attività svolte il giorno prima.
Alla fine del test, è stato dimostrato che coloro a cui era stato chiesto di scrivere le proprie sensazioni hanno eseguito più efficientemente il test informatico rispetto all'altro gruppo; grazie all’elettroencefalografia (Eeg), inoltre, è stata rilevata la loro attività cerebrale e si è subito evidenziato come le risorse cognitive impiegate erano minori se comparate a quelle del secondo gruppo. Gli studiosi spiegano questo risultato affermando che liberare le proprie emozioni, scrivendole su un pezzo di carta, ha aiutato i partecipanti a focalizzare nel modo più funzionale la propria attenzione e ad allontanare le ansie e le preoccupazioni concernenti il test.
Non è certamente la prima ricerca a dimostrare che la scrittura espressiva aiuta l'essere umano ad affrontare nel migliore dei modi lo stress, le situazioni traumatiche e le ansie; ciò che contraddistingue lo studio, invece, è che questo afferma che la scrittura può essere di supporto a persone ansiose e che hanno difficoltà nella gestione dello stress, aiutandole a prepararsi a sostenere tutte quelle future attività stressanti che possono causare dubbi, incertezze e irrequietezza.
Liberare quindi la mente da preoccupazioni e ansia grazie alla scrittura espressiva è certamente un ottimo modo per sfruttare al meglio le nostre abilità cognitive, ottenendo maggiori risultati in quello che stiamo facendo.

La fonte: Il Sole 24 Ore

 

 <<TORNA A TUTTE LE NEWS

 

 

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di