NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Stanchezza mentale: perché anche lavorare seduti affatica?

stanchezza-mentaleStanchezza. Ne esistono di vari tipi e con origini differenti. C'è la stanchezza fisica, ovvero quella che avvertiamo dopo essere stati in palestra, e la stanchezza dovuta al sonno perso. Esiste poi la stanchezza mentale, quella di cui spesso si lamenta l'impiegato da scrivania. Ebbene, è ormai consolidato che non solo i lavori fisici possano affaticare: anche la vita del lavoratore seduto per tutto il giorno alla propria sedia può generare un forte bisogno di riposo fisico. Ma perché il lavoro sedentario stanca? 

Secondo il Dottor Steven Henry Feinsilver del Lenox Hill Hospital di New York, Specialista in Medicina del sonno e malattie polmonari, non è ovviamente lo star seduti a generare affaticamento di per sé, quanto lo svolgimento di attività mentalmente impegnative. Il responsabile di tutto, guarda caso, è il cervello. La risoluzione di un lungo problema di matematica o la stesura di un report complesso portano il nostro cervello a consumare anche il 20% dell'energia corporea, sotto forma di ossigeno e consumo calorico. E sebbene la nostra materia grigia costituisca solo il 2% del corpo umano adulto, essa da sola è comunque in grado di consumare più ossigeno di quel che fanno i nostri muscoli quando andiamo a correre.
Ne consegue che scrivere un testo letterario aulico o svolgere un compito particolarmente difficile affatichino quanto uno sforzo fisico. 

A tal proposito, il Dottor Curtis William Reisinger, Psicologo, sostiene inoltre che la nostra sensazione di stanchezza sia condizionata anche da quella di chi ci è vicino, come ad esempio un collega, essendo il cervello in grado di anticipare le sensazioni. 

L'argomento è approfondito da Lisa Feldman Barrett, Docente di Psicologia presso la Northeastern University di Boston, nel libro How Emotions are Made: The Secret Life of the Brain, dove viene indagata la relazione fra emozioni e cervello, in particolare sul ruolo che quest'ultimo svolge rispetto alla presunta incontrollabilità delle emozioni. Secondo l'Autrice, il cervello sarebbe in realtà l'assoluto regista delle nostre sensazioni, un vero maestro dell'inganno, un mago che dirige qualunque aspetto venga a crearsi dentro di noi: tristezza, gioia, sorpresa, e per generare tali emozioni il cervello si servirebbe dei ricordi passati.

Ecco allora spiegato il meccanismo secondo cui il cervello riuscirebbe ad anticipare le nostre sensazioni: esso farebbe leva sul vissuto personale per anticipare gli ipotetici scenari che la vita ci riserva. 

L'uomo sarebbe inconsciamente preparato alle differenti possibilità che l'ambiente esterno offre, ivi compresa la stanchezza indotta da una persona affaticata che si trova accanto a lui.

Se vi capitasse dunque di avvertire grande stanchezza anche dopo aver passato le vostre otto ore di lavoro seduti, niente paura: colpa del cervello, che ha lavorato insieme a voi, o magari di un collega più stanco di voi.   

 

Fonti: Northeastern.edu, Nymag.com, Lisafeldmanbarrett.com

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di