NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Omeopatia: prossimo allineamento alle direttive europee

Una tappa estremamente importante nel mondo dell'Omeopatia e, in generale, delle Medicine Non Convenzionali. Per le Aziende produttrici di farmaci omeopatici, lo scorso 30 Giugno 2017 è scaduto il termine ultimo per presentare all'AIFA-Agenzia Italiana del Farmaco-  i dossier di registrazione dei prodotti omeopatici, affinché essi nel 2019 ottengano l'autorizzazione all'immissione in commercio (Aic). Nella documentazione, le Aziende hanno dovuto accuratamente fornire indicazioni circa qualità e sicurezza dei rispettivi prodotti, come previsto dal Decreto Legislativo 219 del 2006. I farmaci per i quali non sarà stata adeguatamente fornita documentazione entro i termini prestabiliti, saranno ritirati dal commercio il 1 Gennaio 2019. 

Fino ad oggi ha imperato un'assoluta mancanza di regole in tal senso, tanto che si è assistito ad un proliferare sul mercato di migliaia di farmaci omeopatici, spesso anche copie di copie. 

L'obiettivo di questo procedimento è quello di fornire un giusto riconoscimento ai farmaci omeopatici, magari anche smettendo di sentirli chiamare rimedi o preparati con connotazione assolutamente dispregiativa, ma anche di consentire agli italiani di trovare in farmacia solo ciò che la Legge Italiana riconosce appunto come farmaco. 

E' quanto detto da Giovanni Gorga, Presidente di Omeoimprese, l'Associazione che rappresenta le più importanti aziende che in Italia producono e distribuiscono medicinali omeopatici ed antroposofici, secondo cui su 13 mila prodotti omeopatici in commercio attualmente, solo 5 o 6 mila otterranno effettivamente l'Aic. 

A rischio soprattutto le piccole e medie imprese produttrici di farmaci omeopatici rispetto alla loro effettiva capacità di poter predisporre una corretta documentazione, tanto che già c'è chi azzarda l'utilizzo del termine BigOmeoPharma

Dunque, finalmente tra due anni i farmaci omeopatici entreranno a far parte nel prontuario farmaceutico nazionale. A dirsi soddisfatta in tal senso è Silvia Nencioni, Amministratore Delegato e Presidente di Boiron Italia, leader nel settore dell'Omeopatia con la produzione e la distribuzione di prodotti omeopatici in 80 paesi del mondo, sollevata rispetto alla frustrazione provata in passato, ogni qual volta le aspettative di regolarizzazione venivano disattese: fino ad oggi i farmaci omeopatici si sono dovuti accontentare di una autorizzazione cosiddetta ope legis, ovvero una norma transitoria il cui termine è stato prorogato a fine 2018, mentre in Francia ad esempio è da quasi mezzo secolo che gli omeopatici sono inseriti tra i medicinali rimborsabili, ed il 1 Agosto in Svizzera entrerà in vigore la legge sulla rimborsabilità delle Medicine Non Convenzionali, tanto per citare due esempi. 

Nel nostro Paese il primo step sarà costituito dal superamento di quel pregiudizio figlio della scarsa informazione, che porta a definire i farmaci omeopatici come dei meri preparati, con connotazione evidentemente negativa. Al contrario, l'Omeopatia è utilizzata anche in ambito ospedaliero per ridurre gli effetti collaterali di radioterapia e chemioterapia. Lo step successivo potrebbe essere quello di superare il paradosso tutto italiano relativo alla mancanza di indicazioni terapeutiche sul foglietto illustrativo dei medicinali omeopatici, un fatto che, in primis, risulta penalizzante per il paziente stesso.

Fonte: Informasalus, Quotidiano Sanità, Il Foglio  

 

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di