NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Vaccini: da Pesaro a Parigi in piazza per la libertà

vaccinifotoIl 3 Giugno a Milano, Genova e Cagliari, il 10 Giugno a Verona, il 23 è toccato a Pisa, il 24 Giugno a Padova e La Spezia, il 30 a Lodi, il 1 Luglio ad Oristano, e sabato 8 Luglio la protesta contro la decisione di incrementare il numero dei vaccini obbligatori è arrivata anche a Pesaro.
Circa 10.000 persone giunte da tutte le parti d'Italia hanno manifestato il loro dissenso armati di t-shirt arancioni e di un unico grido: libertà.

Tanti gli ospiti arrivati al Parco Miralfiore di Pesaro, tra cui il giornalista Gianluigi Paragone ed il cantante Povia. L'iniziativa è stata promossa da diverse Associazioni: Comitato Salute e Diritti di Pesaro, Colors Radio, Il Sentiero di Nicola, Auret, Comilva, Corvelva, Rav Hpv, Vaccinare Informati, Condav.
Una manifestazione nazionale a favore della libertà di scelta, dove i bambini sono stati i benvenuti ed hanno partecipato in massa assieme ai propri genitori.
Come ha riferito David Gramiccioli, portavoce dell'iniziativa, dietro questa forte opposizione non ci sono solo ragioni ideologiche, perché spesso chi decide di non sottoporre i propri figli a tutte le inoculazioni previste, lo fa con l'approfondita consapevolezza di un'informazione acquisita autonomamente. Reazioni avverse, danni permanenti ed in certi casi anche la morte: eccoli gli effetti collaterali sui quali lo Stato dovrebbe rassicurare i propri cittadini prima di promulgare un Decreto coercitivo.
Gramiccioli prosegue facendo riferimento a quei 15 paesi europei dove, pur non esistendo alcun obbligo vaccinale, le coperture sono lo stesso molto alte grazie alla corretta e serena informazione accompagnata da una appropriata vigilanza pre-vaccino e da controlli post-somministrazione. In ultimo, prosegue, l'obbligo sotto minaccia comporta solo un incremento della diffidenza e della sfiducia.
Anche Parigi si gemella con Pesaro, in un lungo corteo di maglie arancioni. 

Le proteste hanno toccato diverse città in queste ultime settimane, dove le camminate pacifiche stanno interessando a poco a poco qualsiasi angolo del Paese.
In particolare, a Pesaro non ci stanno ad essere definiti semplicemente no vax, in quanto il punto non è essere favorevoli o contrari ai vaccini, quanto poter scegliere, e soprattutto poterlo fare con cognizione di causa. 

Ad ogni modo, intorno al dibattito nato nelle ultime settimane ruota tutta una serie di considerazioni tutt'altro che banali, alle quali forse si potrà dare una risposta solo continuando a chiederla a gran voce: ad esempio, dov'è finito il Rapporto Glaxo? E perché non se ne parla come invece sarebbe doveroso fare? Quanto sono rilevanti gli interessi economici delle Multinazionali dietro l'improvvisa necessità di comprendere nuovi vaccini tra quelli obbligatori in Italia?
Interpellati a gran voce anche i Professionisti del mondo medico, la cui opinione secondo i partecipanti alle proteste è fondamentale in quanto in capo a loro spetta la responsabilità di consigliare le terapie più idonee sulla base delle rispettive unicità individuali. In tutto ciò, utilità ed importanza dei vaccini non sono messe in discussione, a condizione che il buon senso ne regoli la somministrazione.
Toccanti le parole di un Medico, che si commuove vistosamente al pensiero di tutti quei bambini che dopo la somministrazione del vaccino hanno iniziato a manifestare sintomi di autismo.
Dove sono i genitori di quei bimbi? 
Chissà perché a loro sia mai stata data sufficiente voce in capitolo. 

Fonti: Quotidiano Sanità, Il Fatto Quotidiano, Pesaro Urbino Notizie

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di