NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Vaccini: da 12 a 10. Di fatto, cosa cambia?

vaccini modifica lorenzin da12a10Con il via libera all'emendamento presentato in Commissione Sanità dalla relatrice Patrizia Manassero rispetto all'alleggerimento del Decreto Lorenzin, possiamo davvero parlare di un traguardo? Le modifiche riguardano tre punti sostanziali: l'Antimeningococco di tipo B e di tipo C, il Rotavirus e lo Pneumococco diventano vaccini consigliati e non più obbligatori, pur restando gratuiti per i minori di età compresa tra zero e sedici anni; le eventuali sanzioni pecuniarie applicate in caso di mancato rispetto del Decreto vengono ridotte da 7500 euro a 3500 euro, e non ci sarà alcun obbligo di segnalare i genitori dei minori non vaccinati, eliminando dunque il rischio di far perdere loro la patria potestà.
Eppure, i vaccini obbligatori rimarranno comunque 10. Seppur modificato, il Decreto Lorenzin continua ugualmente a prevedere ben più vaccinazioni rispetto a quelle previste in Italia prima della sua formulazione

L'Istituto Superiore di Sanità si esprime in senso concorde rispetto alla modifica dell'articolo 1 del Decreto, e così per iscrivere i bimbi a materna e asilo, e per non incappare in multe per i ragazzi che frequentano elementari, medie e i primi due anni delle scuole superiori, rimangono obbligatori i vaccini contro: poliomelite, tetano, difterite, epatite B, haemophilus influenzae B, pertosse, morbillo, parotite, rosolia e varicella.
Dalla sua, il Governo non parla di dietrofront quanto piuttosto di una soluzione equa, visto che l'alleggerimento dell'elenco vaccini trova evidente giustificazione nella mancanza di dati epidemiologici a sostegno di epidemia da Epatite B, mentre i casi di Meningite di tipo C sono localizzati più che altro in Toscana, dove è già partita una campagna di vaccinazione gratuita.
Dopo tre anni dalla Legge di conversione del Decreto, la lista dei vaccini obbligatori potrà incrementare oppure ulteriormente diminuire, nel caso in cui la copertura vaccinale abbia raggiunto nel frattempo una soglia minima del 95% propedeutica all'innesco dell'effetto gregge. A tal proposito, il Ministero istituirà una Commissione apposita.
Opinioni e punti di vista non si sono fatti attendere.

Franco Berrino, Medico, Patologo ed Epidemiologo, interviene nella questione in maniera piuttosto critica, parlando di un vero lavaggio del cervello: una strategia di tensione attuata minacciando i genitori dei bambini che decidono di non vaccinare, con medici che supportano eventuali conseguenze estreme (fino a pochi giorni fa, la sottrazione della patria potestà era una delle conseguenze per il non rispetto del Decreto), ripetendo slogan continui rispetto alla sicurezza dei vaccini ed invitando i non esperti al silenzio sulla questione. Ma quel che constata piuttosto il Dottor Berrino è che ad oggi mancano palesemente degli studi affidabili sulla frequenza delle complicazioni, visto che il sistema di segnalazione degli effetti collaterali dei vaccini è piuttosto obsoleto.
Secondo il Medico, al momento non siamo neppure in grado di garantire una sorveglianza capace di determinare l'effettiva manifestazione di complicazioni dovute ai vaccini, né di stabilire quali bambini siano davvero a rischio di complicazioni. Su quali basi, dunque, ci sentiamo di schierarci in modo tanto forte a favore di tali trattamenti sanitari obbligatori?
Ad esprimersi sono anche le Regioni, piuttosto divise rispetto all'obbligo vaccinale propedeutico per l'iscrizione a scuola: il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia annuncia che presenterà un ricorso alla Consulta. La Val D'Aosta, seppur non ricorrendo, darà comunque un parere contrario.

Ad oggi, si potrebbe forse parlare di un piccolo traguardo raggiunto. Ma a ben vedere, cos'è effettivamente cambiato? 
Di fatto, seppur con le modifiche sopra descritte, il Decreto Lorenzin andrà a modificare non di poco il panorama esistente prima che il Governo decidesse di intervenire in tal senso. 
Dunque, la riduzione da 12 a 10 può davvero considerarsi un successo? 

Fonti: Il Secolo XIX, Quotidiano Sanità, Italia Che Cambia, Corriere della Sera

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di