NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Osteopatia: la soluzione al bruxismo

denti c 495x318Avete presente quelle persone che durante il sonno digrignano i denti senza neppure rendersene conto? Quel fenomeno si chiama bruxismo e si presenta solitamente durante la notte in modalità involontaria, coinvolgendo i muscoli facciali della masticazione, che si contraggono provocando uno sfregamento dei denti.
A volte può capitare che al risveglio chi ne soffre accusi una cefalea oppure avverta una sensazione di dolore tra mandibola e denti, e specialmente questi ultimi nel tempo subiscono un progressivo consumo legato proprio al fenomeno dello sfregamento inconsapevole, fino a giungere a casi estremi e ben più gravi in cui l'osso alveolare si usura provocando anche problematiche serie alle gengive.

Trattandosi di una manifestazione involontaria, è il dentista che di solito mette al corrente il paziente di questo suo disturbo.
Esistono diverse classificazioni di questo comune fenomeno, quella più basica riguarda la suddivisione tra bruxismo primario e secondario: il primo è provocato da tensioni o stress, ma generalmente si verifica senza l'evidenza di cause apparenti, mentre il secondo è dovuto dall'assunzione di antipsicotici, farmaci antidepressivi oppure droghe, e reitera il fenomeno anche quando l'interessato è sveglio.
Un'altra classificazione valida è quella che distingue fra serramento o bruxismo statico, caratterizzato da contrazioni inconsce che si presentano generalmente durante il giorno, e digrignamento o bruxismo dinamico, che è appunto tipico delle ore notturne.
Eventuali malformazioni anatomiche della mandibola possono influire sull'insorgenza del fenomeno, così come l'eventuale mal occlusione e una certa predisposizione genetica.
Al momento, i Medici Dentisti consigliano il ricorso ad un byte che consente di isolare la parte dentale superiore da quella inferiore per inibire il contatto e dunque il conseguente sfregamento.
Ma per correggere il bruxismo, un importante aiuto arriva anche dalla terapia osteopatica, a completo supporto di quella odontoiatrica.

Rientrando nelle discipline Olistiche, dove cioè il paziente-persona è considerato nella sua totalità e dove sintomi e patologie non sono mai eventi isolati, l'Osteopatia riesce ad intervenire ad esempio sul problema della cattiva occlusione dentale tramite la manipolazione dell'area cranio-sacrale, dell'apparato masticatore e sul tratto cervicale della colonna vertebrale, agendo positivamente anche sulle condizioni di stress che incidono fortemente sul digrignamento notturno dei denti

Soprattutto, sarà fondamentale lavorare su tutta l'ampiezza del cranio, favorendo a poco a poco il ripristino dell'equilibrio armonico delle ossa e della loro relazione con l'articolazione temporo-mandibolare.
In generale comunque, sono diverse le patologie per le quali l'Osteopatia può porsi come ottimo coadiuvante insieme all'Odontoiatria: dolori alla mascella, problematiche all’articolazione temporo-mandibolare, affaticamento durante la masticazione, problemi ortodontici, e diverse altre.
I sintomi da tenere sotto controllo per capire se si potrebbe aver bisogno dell'Osteopata sono i seguenti: dolore al viso, senso di costrizione alla bocca, cefalea, sinusite, dolore alla cervicale, fischi nelle orecchie, etc.


Fonti: TCIO Milano Istituto di Osteopatia, TopDoctors, Osteopata.com, Fisio-sergi.it

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di