NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Pannolini: sostanze tossiche e dubbia composizione

pannolinoSostanze potenzialmente tossiche e cancerogene nei pannolini usa e getta. Oltre al materiale plastico largamente utilizzato al posto del cotone, anche tracce di diossina, pesticidi e addirittura glifosato, un erbicida.
E' quanto ha evidenziato la Rivista francese 60 Millions de Consommateurs in un'indagine pubblicata nel Gennaio 2017nella quale sono stati analizzati 12 prodotti afferenti ai brand Leader del mercato, come ad esempio Pampers, ed a quelli a marchio Distributori, come Carrefour.

Se nel 2013 la medesima Rivista aveva già ingrandito l'obiettivo sulle salviettine umidificate che si utilizzano per la detersione dei bambini, e che conterrebbero fenossietanolo, un conservante tossico, nel 2016 il quotidiano francese Le Parisien si era dal canto suo occupato del brand Pampers, riportando uno studio condotto da ASEF Association Santé Environnement France, secondo cui tali pannolini conterebbero idrocarburi policlinici aromatici derivanti del petrolio IPA, cancerogeni per l'Unione Europea: il cosiddetto "petrolato" che troviamo scritto sulla confezione, e che sarebbe composto da benzo anthracene e crisene, utilizzati per rendere i pannolini meno irritanti per la pelle dei neonati. 
Il fatto che le quantità di materiali potenzialmente dannosi rispettino le soglie previste dalla legge, in realtà non rassicura più di tanto, dal momento che neonati e bambini molto piccoli vengono a contatto anche con altre sostanze potenzialmente tossiche, quali quelle contenute nei giocattoli o in altri prodotti a loro dedicati. 

Oggetto d'attenzione è stata anche la composizione del prodotto, dove il cotone non è mai risultato l'unico protagonista indiscusso: piuttosto, quel che troviamo analizzando i campioni è uno strato convenzionale composto principalmente di cellulosa, derivante dal legno, e da diverse materie plastiche

Secondo 60 Millions de Consommateurs, nei pannolini Pampers sarebbe proprio la parte a contatto con la pelle del bambino ad essere composta dal materiale plastico polipropilene.
La musica non cambia neppure quando si tratta dei pannolini ecologici, dove senz'altro c’è un utilizzo maggiore di sostanze naturali, pur senza venir meno il ricorso a materiali plastici.
Stando a quanto commentato dalla Rivista francese, sarebbe quantomeno doverosa l'introduzione di norme che regolino il fenomeno e tutelino la prevenzione dei soggetti più a rischio in questa storia, in considerazione del fatto che i neonati sono organismi deboli, in via di sviluppo e particolarmente esposti a fattori esterni.
Nel frattempo, 60 Millions de Consommateurs ci lascia un vademecum relativo alle marche da tenere sotto controllo mentre facciamo la spesa per i nostri piccoli. 

Fonti: 60 Millions de Consommateurs, Il Fatto Quotidiano, Il Messaggero

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di