NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Corte di Giustizia UE: riconosciuto danno da vaccinazione. Valido il nesso causale

vaccini corte europea La Corte di Giustizia dell'Unione Europea ha stabilito che in mancanza di consenso scientifico, un complesso di indizi gravi, precisi e concordanti può provare il nesso di causalità tra il difetto di un vaccino ed una malattia successivamente sopraggiunta.
La fattispecie si riferisce alla causa intentata da un cittadino francese contro la Sanofi Pasteur: lui malato di Sclerosi Multipla e deceduto poi nel 2006, e la Sanofi Pasteur, Gruppo presente in 100 Paesi nonché produttore del vaccino Antiepatite B a cui il ricorrente si era sottoposto nel 1998, cominciando nell'anno successivo a manifestare disturbi tali da condurlo nel 2000 ad una diagnosi di Sclerosi Multipla.

Insieme alla sua famiglia, il cittadino francese combatteva la propria battaglia contro la Sanofi Pasteur. 

Secondo i Giudici della Corte, qualora siano presenti alcuni indizi specifici allora è conseguentemente possibile prendere in considerazione l'ipotesi che il difetto del vaccino possa aver innescato una causalità tra inoculazione ed insorgenza della patologia

Quali sono questi indizi?
Nel dettaglio: 
L'inesistenza di precedenti medici personali e familiari nel soggetto che a seguito di un vaccino contrae una patologia
• L'esistenza di un significativo numero di precedenti casi in cui è comparsa la medesima malattia dopo aver assunto il medesimo vaccino
• Un arco temporale sufficientemente breve tra somministrazione ed insorgenza dei sintomi

Nella causa che ha visto coinvolta la Sanofi Pasteur, la Corte d'Appello di Parigi aveva inizialmente respinto il ricorso per mancanza di evidenze che provassero il nesso di causalità.
Impugnata la sentenza, si era poi pronunciata la Corte di Cassazione francese la quale ha richiesto il parere della Corte di Giustizia Europea circa la possibilità di basarsi sulla Direttiva 85/374/CEE del Consiglio, del 25 luglio 1985 relativa alla responsabilità per danno da prodotti difettosi, e se fosse inoltre possibile far valere degli indizi gravi, precisi e concordanti come prova dell'esistenza di un difetto del vaccino quale nesso tra lo sviluppo della mattina ed il vaccino stesso.
La sentenza della Corte di Giustizia Europea è stata davvero innovativa: essa ha considerato compatibile con la Direttiva un regime probatorio che, in assenza di prove inconfutabili, autorizza il giudice a stabilire che esista un difetto del vaccino e un nesso di causalità rispetto all’insorgenza di una malattia, a condizione che siano appunto verificabili indizi gravi, precisi e concordanti come quelli esposti nel sopracitato elenco.
Inoltre, secondo la Corte sarebbe troppo difficile provare la responsabilità del produttore di un vaccino se l'unica prova accettata fosse quella certa tratta dalla ricerca medica, l'alternativa è basata appunto sulla sussistenza di indizi sufficientemente gravi, previsi e concordanti. Ed essi devono mirare a far sorgere un alto dubbio rispetto alla difettosità del vaccino.

Intanto anche nel nostro Paese continuano i dibattiti e le azioni dimostrative: una madre di Forlì è in sciopero della fame dal 22 Maggio. Psicologa con tre figli, sperava in un segnale di risposta dal Governo, che invece non è arrivato. La coraggiosa mamma ha anche scritto una lettera al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nella quale ricorda che le 12 vaccinazioni obbligatorie previste dal Decreto Lorenzin si tradurranno in ben 40 appuntamenti vaccinali nei primi anni di vita del bambino.
Dal canto suo, il Ministro Lorenzin continua a sostenere che l'obbligatorietà non si discute.

Fonti: Quotidiano Sanità, Il Fatto Quotidiano, La Stampa

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di