NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Cellulare e tumore: siamo davvero al sicuro?

cellulare tumore telefonino cancroUn dipendente della Telecom affetto da neurinoma cerebrale ha ottenuto dal Tribunale di Ivrea un vitalizio per "malattia professionale", avendo fatto per 15 anni un uso intensivo del telefono cellulare durante lo svolgimento della propria attività lavorativa.
In questo caso, la sentenza ha riconosciuto un effetto cancerogeno delle onde elettromagnetiche emesse dal telefonino, anche se il Professor Diego Serraino, Responsabile della struttura di Epidemiologia Oncologica del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano, ci tiene comunque a sottolineare che ad oggi non esiste ancora una relazione certa ed inconfutabile che certifichi il nesso causale tra onde elettromagnetiche emesse dal cellulare e tumore, ma visto che il neurinoma è una forma molto rara di cancro, si può in questo caso presumere che la sua insorgenza sia stata causata da un elevato utilizzo dell'apparecchio elettronico. Ma le posizioni sono discordanti, o forse volutamente poco chiare

La comunità scientifica non è del tutto allineata nell'affermare un legame effettivo tra onde elettromagnetiche ed insorgenza del tumore al cervello, al punto che lo Studio Interphone iniziato nel 2000, si è concluso nel 2010 senza aver constatato una relazione certa tra i due aspetti: la titanica ricerca ha coinvolto tredici paesi e utilizzato un budget di 24 milioni di dollari, ed è stata per altro soggetta a critiche relative al tipo di campione scelto, il quale ad esempio non comprendeva soggetti esposti alle radiazioni dei cordless domestici, e dove solo il 5% dei soggetti studiati aveva utilizzato il cellulare per almeno dieci anni, tempo minimo per lo sviluppo della malattia.
Di contro, lo Stud
io dell'Oncologo svedese Lennart Hardell evidenzia invece una maggiore incidenza di tumori al cervello tra chi utilizza il telefono cellulare da oltre dieci anni. Grazie ad un campione demograficamente più ampio e con maggiore esposizione alle onde elettromagnetiche, egli avrebbe notato un nesso decisamente più evidente, in cui per ogni 100 ore di utilizzo del telefonino aumenterebbe del 5% il rischio di sviluppare gliomi e neuromi
Nel Maggio 2011, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro – IARC, aveva affermato di aver raccolto sufficienti prove per includere i telefonini nella categoria dei cancerogeni di tipo 2B. Nello specifico, il "possibile" rapporto di causalità diventa "probabile" nella categoria 2A e "certo" nella categoria 1. 
Il Direttore dello IARC Christopher Wild commenta rispetto alla necessità di svolgere ulteriori ricerche per accertarsi di una eventuale effettiva connessione tra onde elettromagnetiche e tumore, ma nel frattempo non deve mancare l'adozione di misure preventive, quali ad esempio l'utilizzo di auricolari ed il ricorso al viva voce. 

Allora, chi ha ragione?

Si esprime anche l'AIRC- Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro affermando che le prove disponibili non sono sufficienti per stabilire il nesso tra l'utilizzo dei cellulari e l'insorgenza del tumore al cervello, specialmente se si fa riferimento alla tecnologia di ultima generazione, dove c’è una bassa emissione di onde a radiofrequenza, che da sole non provocano mutazioni ma possono però indurre il riscaldamento dei tessuti a diretto contatto con l’apparecchiatura.

A ben vedere però, esiste anche il punto di vista trattato dal programma della RAI Report, nella puntata del 27 Novembre 2011, chiamata L'onda lunga. Nel servizio trasmesso si dichiara che ad aver finanziato una ricerca portata avanti dall'Organizzazione Mondiale della Sanità rispetto a come i cellulari influenzano la salute dell'uomo, ci fosse anche l'industria produttrice di telefonini, nello specifico la Motorola. Il progetto di studio era nato nel 1996 per indagare sui rischi sanitari delle onde elettromagnetiche, ed in quel momento la Motorola era Leader nel settore della produzione di cellulari: secondo quanto espresso nel servizio di Report, essa ammise di aver sostenuto finanziariamente il progetto, inviando fondi in maniera non diretta, perché ovviamente questo non sarebbe stato in linea con i principi dell'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ebbene, alla fine l'esisto dello studio stabilì che appunto non esisteva una correlazione certa tra l'utilizzo del telefonino e lo sviluppo di patologie tumorali.
Strana coincidenza.
Per cui ci domandiamo: considerando che all'OMS fa riferimento tutto il mondo, quanto è però attendibile questa conclusione?  

In attesa di saperne di più, ci rimettiamo al buon senso rispetto alla valutazione dei dati forniti dalle differenti ricerche, e nel frattempo seguiamo i consigli relativi ad un utilizzo cauto del cellualare, ricorrendo il più possibile alle auricolari, preferendo il viva voce lì dove possibile, e cercando di limitare i tempi delle conversazioni telefoniche. 

Fonti: Repubblica, AIRC, Registri-tumori.it, Report.rai.it

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di