NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Insonnia, mal di testa, stress. Mai provato l'ASMR?

wCnYo3DML’ASMR si scopre quasi sempre per caso. Spesso nemmeno lo si sa.
Entriamo in un negozio ed il tintinnare dei bracciali di una commessa sul bancone regala una sensazione di piacevole formicolio dietro la nuca e sul collo.
Parliamo al telefono con qualcuno che ha una voce accogliente e sussurrata, e ci rimane addosso una sorta di rilassatezza sonnolenta.
Andiamo dal medico, ed il suo modo di spiegarci le cose risulta talmente magnetico che resteremmo ad ascoltarlo per ore. Qualcuno disegna accanto a noi, e l’effetto è il medesimo che se ci stessero facendo un massaggio.
Ma non ne conosciamo la ragione. Sappiamo solo che a volte, nel mondo, alcuni particolari stimoli sono in grado di regalarci uno stato di rilassatezza tale da far venire i brividi sul cuoio capelluto.

La maggior parte delle oltre 10 milioni di persone che ad oggi compongono la comunità ASMR nel mondo, ha scoperto così il fenomeno dell'Anonimous Sensory Meridian ResponseRisposta Autonoma del Meridiano Sensoriale
Si tratta di un neologismo col quale viene descritto lo stato di piacevole formicolio alla testa, lungo la schiena o sulle spalle generati dal fenomeno, ed al quale può seguire un torpore generale di mente e corpo accompagnati a volte anche dal sonno
Il tutto scaturisce da stimoli visivi ed uditivi percepiti in maniera passiva: il suono delle pagine sfogliate, il tintinnare delle unghie su una superficie rigida, un tono di voce sussurrato; ma anche l'osservare una persona che svolge un certo lavoro o la gestualità ripetuta di qualcuno. 
L'ASRM agisce direttamente sul cervello e si dipana al resto del corpo. Ad oggi però, non esiste alcuna evidenza scientifica del fenomeno, anche se quest'ultimo si è diffuso con una rapidità incredibile, soprattutto su Youtube, dove digitando “ASMR” escono migliaia di video grazie ai quali sperimentare e farsi una propria idea. 
I protagonisti dei filmati producono una serie di suoni e/o ripropongono una sequela di situazioni atte a far rilassare profondamente chi guarda, passando ad esempio le unghie su scatole o superfici dure, spazzolandosi i capelli lentamente in modo che l'utente riesca a percepire anche il suono della spazzola, muovendo le mani e bisbigliando in maniera soave. 

Molto in voga nella categoria sono anche i cosiddetti video role play dove il protagonista si rivolge direttamente allo spettatore fingendo di essere un make-up artist che, con tanto di pennelli e batuffoli di cotone, inscena una seduta di trucco avvicinando gli strumenti da lavoro allo schermo, in modo che l’utente abbia la sensazione di essere toccato realmente

Oppure, ci si finge dottori: in questo gruppo rientra ad esempio il role play dedicato all’esame dei nervi cranici, in cui il protagonista si serve delle proprie dita e di una piccola torcia per guidare l’utente in una sorta di percorso ipnotico che quasi sempre conduce al sonno. Il tutto, con una voce sempre molto soave ed accogliente

In alcuni video ASMR si parla solamente, in altri vengono ripetuti gesti usuali come ad esempio la sistemazione del proprio beauty case oppure l’apertura-chiusura dei barattoli di crema tintinnando con le unghie sui tappi. Vengono inscenate tantissime situazioni differenti: dal parrucchiere alla receptionist di hotel, dall’insegnante di lingua all’operatrice di una spa. 

Ogni utente sarà poi reattivo a stimoli visivi differenti ed ognuno avrà il proprio trigger, ovvero il suono che maggiormente produce in lui i tingles, cioè la sensazione di torpore tipica del fenomeno. 

Gli artisti che producono video lo fanno generalmente servendosi di un microfono 3D, detto appunto binaurale, in cui due microfoni sono posizionati alla distanza che corrisponde al posizionamento delle orecchie umane; ascoltando il video con le auricolari, questo consentirà di aumentare il senso di coinvolgimento.
Seppure il fenomeno fatichi a trovare riconoscimenti ufficiali nella pratica medica, dal 2009 sono stati caricato oltre 2 milioni di video in Rete.
Bisogna stare particolarmente attenti a non confondere però la cosa con lo stimolo erotico.
E’ certamente possibile rintracciare sul Web video di ragazze che tentano di stimolare l’utente da un punto di vista più fisico che mentale, ma l'ASMR è un episodio puramente cerebrale con l’obiettivo di favorire solo un totale rilassamento.
Anche il Time si è interessato alla cosa: in un articolo del 2013 si legge che ad essere interessati al fenomeno potrebbero essere la dopamina e la seratonina, ormoni del benessere; secondo altre teorie, la visione di un video rilassante come quelli appena citati potrebbe addirittura comportare il rilascio di ossitocina, un ormone di natura proteica comunemente detto ormone dell'amore.
Anche Steven Novella, Neuroscienziato e Sssistente presso la Yale University School of Medicine, si è interessato all'argomento, scrivendone in proposito sul proprio blog
Secondo lui, nonostante le scarse prove mediche ad oggi, gli stimoli ASMR sarebbero non solo veritieri ma causati da motivazioni differenti che sarebbe interessante approfondire.
Al momento, la sola cosa che si può affermare con certezza è che la comunità di Youtuber e di fan dediti all'ARMS è in costante crescita, e le testimonianze più tangibili le forniscono i migliaia di commenti rilasciati sotto a ciascun video: c’è chi afferma di aver combattuto l'insonnia grazie all’ASMR, chi parla di rimedio contro la depressione addirittura. C’è chi ricorre al fenomeno per affievolire il mal di testa, e chi lo fa per concentrarsi.
In attesa di una presa in considerazione ufficiale del fenomeno, se mai ci sarà, ognuno sia libero di provare per credere.

Fonti: Time, The Ness

 

<<TORNA A TUTTE LE NEWS

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di