NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Nel rispetto della direttiva 2009/136/CE ti informiamo che questo sito utilizza cookie propri tecnici e di terze parti per consentirti una migliore navigazione ed un corretto funzionamento delle pagine web. Se proseguo nella navigazione, cliccando su un qualunque elemento posto all’esterno di questo banner, acconsento all’installazione dei cookies. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO E A COSA SERVONO I COOKIES?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

I cookies che utilizziamo non conserviamo informazioni personali ma solo informazioni criptate per migliorare la tua permanenza sul sito.

Possono essere anche di terze parti (quando vengono impostati da un sito diverso dal quello che stai visitando).


Cookies tecnici (strettamente necessari)
Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi.

Cookies funzionali
Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Cookies di terze parti: Facebook
Facebook utilizza cookie per offrire all'utente funzionalità di condivisione e di "like" sulla propria bacheca. Per maggiori informazioni, consultare la pagina https://www.facebook.com/about/privacy  

 

COME DISATTIVARLI

La maggior parte dei browser accetta i cookies automaticamente. Si consiglia di non disabilitare questafunzione, dal momento che ciò potrebbe impedire di muoversi liberamente da una pagina all'altra e di fruire di tutte le peculiarità del sito. Puoi comunque decidere di non consentire l'impostazione dei cookies sul tuo computer; per farlo accedi alle "Preferenze" del tuo browser.

È possibile modificare il browser per disattivare i cookies tramite una procedura molto semplice. Attenzione: disattivando i cookies sia nome utente che password non saranno più memorizzati sul box di login del sito.

Firefox:

  • Apri Firefox
  • Premi il pulsante "Alt" sulla tastiera
  • Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona "Strumenti" e successivamente "Opzioni"
  • Seleziona quindi la scheda "Privacy"
  • Vai su "Impostazioni Cronologia": e successivamente su "Utilizza impostazioni personalizzate". Deseleziona "Accetta i cookie dai siti" e salva le preferenze.

Internet Explorer:

  • Apri Internet Explorer
  • Clicca sul pulsante "Strumenti" e quindi su "Opzioni Internet"
  • Seleziona la scheda "Privacy" e sposta il dispositivo di scorrimento sul livello di privacy che desideri impostare (verso l'alto per bloccare tutti i cookies o verso il basso per consentirli tutti)
  • Quindi clicca su OK

Google Chrome:

  • Apri Google Chrome
  • Clicca sull'icona "Strumenti"
  • Seleziona "Impostazioni" e successivamente "Impostazioni avanzate"
  • Seleziona "Impostazioni dei contenuti" sotto la voce "Privacy"
  • Nella scheda "Cookies" è possibile deselezionare i cookies e salvare le preferenze

Safari:

  • Apri Safari
  • Scegli "Preferenze" nella barra degli strumenti, quindi seleziona il pannello "Sicurezza" nella finestra di dialogo che segue
  • Nella sezione "Accetta cookie" è possibile specificare se e quando Safari deve salvare i cookies dai siti web. Per ulteriori informazioni clicca sul pulsante di Aiuto (contrassegnato da un punto interrogativo)
  • Per maggiori informazioni sui cookies che vengono memorizzati sul vostro computer, clicca su "Mostra cookie"

Discipline e Tematiche

Il concetto di Medicina Tradizionale e Complementare/Integrata/Alternativa si riferisce all'insieme delle dottrine mediche quali l'agopuntura, l'ayurveda, l'omeopatia, ecc., generalmente definite nella letteratura internazionale con il termine "Complementary and Alternative Medicine" (CAM). Il termine maggiormente diffuso risulta tuttavia essere quello di Medicina Complementare (MC), in virtù della sua frequente integrazione con le pratiche sanitarie della Medicina Convenzionale. La Medicina Complementare è molto diffusa nei paesi caratterizzati da reddito medio-basso, nei quali ne fa uso circa l'80% della popolazione. Questa percentuale tende a salire anche nei paesi industrializzati, attestandosi anche al 65% in alcuni Stati.

L'agopuntura è oramai una disciplina ampiamente praticata ed oggetto di master post laurea in Medicina e Chirurgia, nonché di un gran numero di pubblicazioni medico-scientifiche internazionali sperimentali ed accademiche che ne suffragano la validità nel trattamento di sintomatologie dolorose, allergiche o scompensi a livello dei sistemi endocrino ed immunitario. Esiste inoltre una stretta relazione tra Agopuntura e Neurologia: circa la metà dei punti dell'agopuntura si trova infatti sul percorso dei nervi periferici e l'altra metà è strettamente connessa ad arterie, vene ed ai relativi plessi nervosi vascolari non distandone mai più di cinque millimetri.

Anche l'omeopatia e l'omotossicologia si stanno ampiamente diffondendo in europa ed in Italia: basti pensare che l'Italia risulta essere al terzo posto in Europa (preceduta da Francia e Germania) per utilizzo di queste dottrine terapeutiche. La vendita dei rimedi omeopatici ha registrato un incremento del 65% negli ultimi 20 anni, sebbene per tali rimedi non sia concessa né la pubblicizzazione né il rimborso da parte dello Stato. L'utente medio di rimedi omeopatici è dunque, contrariamente ai Paesi nei quali la Medicina Complementare è molto diffusa, caratterizzato da istruzione e reddito medio-alti. Il ricorso a rimedi omeopatici è in genere di tipo complementare e non alternativo (ovvero non del tutto sostitutivo dei farmaci convenzionalmente intesi).

L'Istituto per le Ricerche Statistiche e l'Analisi dell'Opinione Pubblica (Doxa) ha dichiarato che 9 milioni di Italiani fanno abitualmente uso di rimedi omeopatici, mentre 14 milioni ne fanno uso saltuariamente. E' molto interessante a questo proposito consultare il documento "Safety Issues in the preparation of homeopatic medicines", redatto nel Marzo 2010 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. In questo documento l'omeopatia viene ufficialmente riconosciuta come dottrina terapeutica, con la stessa valenza e rilevanza sperimentale e scientifica delle pratiche proprie della Medicina convenzionale. Tornando alla costante diffusione della Medicna Complementare nei Paesi industrializzati ed in Italia, si pensi che nel 2003 la Regione Lombardia e l'Organizzazione Mondiale della Sanità hanno collaborato alla stesura di un piano di cooperazione di 4 anni per lo sviluppo di linee guida e di informazioni tecniche sulla Medicina Complementare. Un caso emblematico è inoltre rappresentato dalla Regione Toscana: dal 1996 gli atti di programmazione sanitaria di questa regione contengono riferimenti alle Medicine Complementari, e gli ultimi piani sanitari regionali includono azioni a favore di tali terapie. Attualmente sono presenti sul territorio toscano 60 ambultaori pubblici che erogano servizi di Medicina Complementare (principalmente agopuntura, omeopatia, fitoterapia) presso le Aziende Sanitarie, con copertura di tali prestazioni attraverso i livelli essenziali di assistenza regionale (Lea) ed altri progetti. 

Stato dell'arte della Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa
La Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa è ampiamente utilizzata nella prevenzione, diagnosi e trattamento di un esteso range di affezioni. Numerosi fattori hanno determinato la costante diffusione ed il crescente interesse nei confronti della Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa, in particolare negli ultimi 20 anni.

In alcune regioni la Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa è maggiormente accessibile; circa un terzo della popolazione mondiale e più della metà delle popolazioni delle aree più povere dell'Asia e dell'Africa non dispongono infatti di un regolare accesso ai farmaci essenziali. Tuttavia le più comuni ragioni riportate a sostegno dell'utilizzo della Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa consistono nel fatto che tale dottrina risulta essere maggiormente abbordabile e corrispondente all'ideologia del paziente, nonché meno paternalistica rispetto alla Medicina Convenzionale.

Indipendentemente dalle motivazioni per le quali un individuo la predilige, la Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa fornisce unimportante servizio di assistenza medica a tutte le persone con o senza accesso geografico o finanziario alla Medicina Convenzionale. La Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa si è dimostrata efficace in aree quali la l'equilibrio psichico, la prevenzione ed il trattamento di patologie ed il miglioramento della qualità della vita per anziani e persone affette da patologie croniche. Nonostante ci sia costantemente bisogno di ulteriore ricerca, trial clinici e valutazioni, la Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa ha certamente mostrato un'enorme possibilità e potenziale per un ampio spettro di necessità mediche.

Riconoscere il diffuso utilizzo della Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa e l'enorme espansione dei prodotti erboristici nei mercati internazionali non può tuttavia prescindere da alcuni principi fondamentali, ugualmente validi per la Medicina Convenzionale:

  • le cure mediche fornite dalla Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa devono essere sicure ed attendibili
  • gli standard per la sicurezza, efficacia e controllo di qualità dei prodotti erboristici e delle terapie di Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa debbono essere stabiliti e confermati
  • i terapisti devono essere qualificati all'esercizio della professione

Queste tematiche sono divenute importanti sia per il pubblico che per le autorità in campo sanitario (a questo proposito le politiche nazionali rivestono un ruolo fondamentale).

Ogni anno l'Organizzazione Mondiale della Sanità riceve un numero sempre crescente di richieste di standard, linee guida tecniche e supporto informativo da parte degli Stati Membri al fine di elaborare politiche nazionali concernenti la Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità incoraggia e supporta gli Stati Membri ad integrare la Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa nei propri Sistemi Sanitari Nazionali e a stabilire un razionale per l'utilizzo di questo tipo di discipline mediche. Facilitando lo scambio di informazioni tra gli Stati Membri attraverso convegni regionali e pubblicazioni, l'Organizzazione Mondiale della Sanità assiste i Paesi nella condivisione delle proprie esperienze al fine di stabilire delle Politiche Nazionali in materia di Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa e di diffondere approcci appropriati ed innovativi per un Sistema Sanitario Integrato.

Nel 1998, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato il saggio "Regulatory situation in Herbal Medicines: A Worldwide Review". Nonostante tale pubblicazione tratti la regolazione dei medicinali erboristici, questo documento ha destato l'attenzione non solo del pubblico, ma anche delle autorità sanitarie degli Stati Membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Informazioni sulla regolazione e la registrazione di medicinali erboristici, sulle terapie e sui terapisti di Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa sono inoltre contenute nel documento "Legal Status of Traditional Medicine and Complementary/Alternative Medicine: A Worldwide Review". Tale pubblicazione risulta essere un saggio molto completo che tratta nel dettaglio le legislazioni degli Stati Membri, le regolazioni, le statistiche, i sistemi di istruzione e training nonché i sistemi assicurativi. Tutto questo al fine di facilitare lo scambio di informazioni tra le Nazioni, elaborare politiche di regolazione in materia di Medicina Tradizionale e Complementare/Alternativa esviluppare sistemi sanitari nazionali integrati attraverso i quali costruire percorsi terapeutici misti (costituiti dall'integrazione di paratiche convenzionali e complementari) che possono rappresentare una grande opportunità di tutela della salute e del benessere del cittadino.

Patrocini 2015

   Unimib Logo     Omceoomceoroma

            

          

Con la partecipazione di